logo bassa risoluzione bianco.png

Il cammino collega due città accomunate dalla loro importante storia produttiva, unite da un itinerario di trekking che permette di immergersi nelle bellezze naturali dell'Appennino Tosco-Emiliano, ricco di eccellenze e tradizione, e scoprire quanta storia e cultura si nascondono in questo territorio.

Il percorso attraversa borghi, cime e vallate congiungendo due centri storici di grande valore, cresciuti nei secoli grazie alla sapiente gestione delle acque: Bologna, la città della Chiusa e dei canali, per secoli capitale della seta; e Prato, la città del Cavalciotto, delle gore e delle gualchiere, capitale del distretto della lana e del tessile.

scarpone home.png

Prepara il tuo trekking!

- divisione in tappe

- segnaletica

- info utili e cosa mettere nello zaino

bike home.png

Scaldiamo le gomme!

- divisione in tappe

- segnaletica e varianti MTB

- info utili e cosa mettere nello zaino

Di seguito troverai alcune indicazioni base utili per percorrere con tranquillità la Via della Lana e della Seta e per avere un corretto approccio con l'escursionismo e con l'ambiente che si attraversa.

Per muoversi in ambiente con soddisfazione e sicurezza … è opportuno sapere che:

  • Iniziare il cammino di buon ora, al mattino, è fonte di piacevoli scoperte ed anche di maggior sicurezza. Il tempo libero al pomeriggio permette di metabolizzare il vissuto, di riflettere, di preparare meglio il giorno successivo.

  • L’abbigliamento deve essere essenziale e sempre adeguato alla stagione.

  • E’ consigliabile indossare indumenti non ingombranti e traspiranti, vestendosi “a strati” per meglio adattarsi alle condizioni climatiche.

  • Raccomandiamo le scarpe da trekking di buona qualità.

  • Importantissime le calze antivescica e possono essere utili i bastoncini.

  • Consultare le previsioni del meteo sicuramente ci aiuta.

  • Soprattutto in alto la nebbia può sorprenderci: carta, bussola, altimetro al seguito e saperli usare è doveroso.

  • E’ indispensabile avere con se carta escursionista e/o guida ed eventualmente potete richiedere le tracce gpx e klm

  • E’ possibile ricevere ulteriori informazioni rivolgendosi a InfoSasso (051 6758409 -info@infosasso.it) + extrabo

  • E’ utile tenere informati amici e/o familiari sul nostro percorso. Preferibilmente non mettersi in viaggio da soli.

Quando ci si muove in un ambiente naturale è doveroso avere un comportamento attento e rispettoso di tutto ciò che ci circonda:

  • non danneggiamo piante, fossili e prodotti del sottobosco

  • teniamo i cani al guinzaglio (nei parchi è obbligatorio)

  • non abbandoniamo rifiuti

  • preveniamo ogni rischio d’incendio

  • Cerchiamo di suggerire a chi si presenta in fuoristrada, moto da cross, a chi urla...che la quiete non ha controindicazioni.

  • Il nostro Appennino sta naturalmente evolvendo e non va sottovalutato; succede di camminare per ore nel bosco (volendo anche di notte: può essere un gioco importante per percepire meglio); prevediamo tappe adeguate ai nostri interessi e alla nostra preparazione, tenendo conto che alcuni sentieri possono risultare particolarmente impegnativi in caso di condizioni meteo sfavorevoli.

  • Seguiamo sempre i sentieri indicati e nel dubbio torniamo indietro fino all’ultimo segnavia indicato.

  • Abbandoniamo la fretta di arrivare e gustiamoci il viaggio: sarà il nostro ricordo più bello